TRAILS MONTE ZUGNA

Una montagna con un ambiente naturale unico.

La nuova frontiera per il mountain biking dell'Alto Garda!

Il Zugna (1865 m) è una montagna con un ambiente naturale unico tanto da essere catalogato come sito di interesse conservativo.

Il versante che si affaccia sul fiume Adige offre diverse possibilità di essere percorso dal rifugio omonimo a 1616 metri di altezza s.l.m. fino al fondo valle a circa 200 metri di altitudine. Nonostante la sua conformazione rocciosa troviamo molti trails con fondo scorrevole e pendenza ideale per avere un buono sviluppo in lunghezza e difficoltà tecniche accettabili.

Il fatto che fosse campo di battaglia durante la prima guerra mondiale ha lasciato in eredità oltre che i ruderi dei manufatti bellici tutta una rete di mulattiere che oggi si possono percorrere in mtb unendo vari segmenti e decidendo che tipo di tour impostare.

Monte Zugna … la nuova frontiera per il mountain biking dell’Alto Garda!

MTB raccomandata:

MTB raccomandata:

DH – Enduro
Difficoltà:

Difficoltà:

Avanzato
Dislivello negativo:

Dislivello negativo:

3000 m

Curva Bomba

Il nome è dovuto ad un enorme cratere lasciato dall’esplosione di una granata durante la prima guerra mondiale.

L’inizio del sentiero richiede di spingere la mtb lungo una traccia quasi immaginaria, lasciarsi scivolare in una ripida serpentina che mette alla prova la capacità di controllo del proprio mezzo, per poi infilarsi in un entusiasmante sentiero superflow lungo un paio di chilometri …. velocità e scorrevolezza tanto da ricordare una sciata in neve fresca.

Si risale fino all’entrata del secondo tratto chiamato Curva Stella, più tecnico del precedente, con un fondo a tratti roccioso e diverse curve strette da affrontare. Qui i riders più enduristi potranno scatenarsi! Dopo l’intersezione con la forestale si affronta una mulattiera che chiamiamo Canada… veloce, larga e tutta da guidare con curve da prendere a tutta. Troviamo tregua alla sua uscita in una radura erbosa con sorgente d’acqua carsica che di solito sgorga abbondante.

Qui abbiamo 2 opzioni: possiamo risalire fino al fungo di Albaredo pedalando una decina di minuti per poi imboccare il Cengio veloce oppure scendere 200 metri lungo la forestale e rituffarci a destra lungo un sentiero ciottolato fino all’incrocio con il sentiero Roberto, una linea con fondo scorrevole ma più stretta e tortuosa delle precedenti, con alcuni passaggi tecnici enduristici.

Ormai siamo quasi in fondo. In località Santa Barbara troviamo una piccola deviazione con un single trail stretto stretto e molto sinuoso … riusciamo a vedere la cupola dell’Ossario (sacrario militare che raccoglie le spoglie dei caduti della prima guerra mondiale) in località Castel Dante meta finale del nostro tour.

MTB raccomandata:

MTB raccomandata:

DH – Enduro
Difficoltà:

Difficoltà:

Avanzato
Dislivello negativo:

Dislivello negativo:

1000 m

Malga Tof

Situata a circa 1.000 metri di altitudine lungo la strada che sale verso la sommità del Monte Zugna, Malga Tof rappresenta un comodo punto di accesso ad uno dei sentieri più conosciuti e divertenti della zona.

Vale la pena allungarlo imboccandolo un paio di km più a monte: un bel trail largo e veloce con ottima visibilità e molti tornanti che ci riporterà a Malga Tof già caldi e carichi per continuare la discesa. Arrivati al tornante asfaltato sottostante la Malga ci si rituffa nel trail saltandoci letteralmente dentro dalla strada.

Tornanti stretti, un toboga veloce, qualche piccolo salto per poi uscire dal vallone ed insinuarsi in un single trail veloce che ci farà tirare il fiato all’intersezione con la prima strada forestale. Ci dirigiamo verso nord e riprendiamo il ritmo imboccando di nuovo alla nostra sinistra un single trail con passaggi più tecnici su roccia e dei bei dritti veloci con buona visibilità, fino ad incontrare un’altra strada forestale da risalire brevemente.

Ci aspetta l’ultimo tratto con 3 varianti che si possono imboccare dallo stesso punto. A sinistra si percorre il sentiero ufficiale che dopo un paio di passaggi ripidi su roccia scende girando a destra in un toboga stretto con molti detriti portati dalla pioggia e qualche gradone. La pendenza cala fino all’intersezione con la strada asfaltata degli Artiglieri. La seconda variante si diparte poco più a valle del sentiero ufficiale. A destra, dopo essersi lasciata alle spalle una esse veloce, si imbocca un single trail con bei passaggi tecnici da percorrere in agilità fino alla sua uscita sull’asfalto.

Questa variante si può raggiungere anche girando immediatamente a destra dopo avere lasciato la strada forestale e percorso un breve saliscendi che ci porta nel Teo trail, tutto bello scorrevole e guidabile.

MTB raccomandata:

MTB raccomandata:

DH – Enduro
Difficoltà:

Difficoltà:

Avanzato
Dislivello negativo:

Dislivello negativo:

800 m

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi